Azioni UniCredit: ecco per te tutte le news del 2019

0
387
azioni unicredit palazzo banca

Condividi questo articolo!

Quando si parla di azioni UniCredit, come per le azioni Enel, la prima domanda che viene in mente agli investitori è: ad oggi conviene investire e acquistare azioni UniCredit?

E ancora, cosa prevede l’andamento della quotazione delle azioni UniCredit nel 2019? La risposta non è univoca e dipende dalle tue esigenze. Nel nostro articolo focalizzeremo l’attenzione sull’andamento delle sue azioni. Con particolare attenzione all’andamento previsto per il 2019. E ancora parleremo dei punti di forza di questo istituto che, ad oggi, è una delle realtà più solide del panorama italiano.

Il gruppo UniCredit, infatti, rientra a pieno titolo tra i leader del settore bancario europeo. Grazie alla sua attività, l’istituto si occupa di diversi settori bancari, con particolare attenzione a: sportelli bancari, banca d’affari, investimenti e finanziamenti. Occupandosi, ancora di servizi di gestione degli attivi. Partner attivo anche in Polonia e nell’Europa Centrale e dell’Est, UniCredit presenta numerose agenzie sparse in tutto il mondo. Operando di fatto in 22 Paesi, gestendo oltre 400 miliardi di euro di deposito e 500 miliardi di euro di prestiti in essere.

L’argomento ti interessa? Bene, allora continua pure a leggere! Buona lettura…

Azioni UniCredit: Storia di un solido gruppo

Innanzitutto, prima di addentrarci nel nostro argomento, è importante comprendere chi è Unicredit, parlando un po’ della storia di questo solido gruppo italiano. Intorno agli anni ’90, e nello specifico nel 1998, il Credito Italiano nasce dalla fusione di due importanti gruppi. Questi sono: il Credito Italiano (formato da Credito Italiano e Rolo Banca 1473) e Unicredito. Quest’ultimo, a sua volta, costituito da Cassa di Risparmio di Verona, Vicenza, Belluno e Ancona, Cassa di Risparmio di Torino e Cassamarca.

Un anno dopo, ovvero nel 1999, anche la Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto e la Cassa di Risparmio di Trieste entrano a far parte del gruppo. Nel 2000 grazie al progetto S3, i servizi messi a disposizione dall’istituto bancario si dividono in più sezioni di competenza. Così suddivisi:

  • UniCredit Banca: rivolta alle famiglie, ai privati e alle piccole medie aziende

  • UniCredit Private Banking: si occupa di clienti ad alto reddito

  • E infine, UniCredit Banca d’Impresa: dedicata soltanto alle grandi imprese.

Finalmente nel corso del 2003 l’istituto si unifica sotto il nome di: UniCredit. Ad oggi il gruppo UniCredit S.p.A. si attesta tra i più importanti gruppi bancari italiani ed europei, con sede sociale a Roma e direzione generale a Milano. Inoltre, l’istituto bancario è quotato all’interno dell’Indice FTSE MIB della Borsa di Milano.

Azioni UniCredit: Modello di business

azioni unicredit vantaggiPrima di procedere e addentrarci nel nostro argomento, è importante comprendere qual è il modello di business di questo gruppo italiano.  Quest’ultimo si basa sul mantenimento delle funzioni di banca, che consentono a UniCredit di mantenere e incrementare gli ingenti vantaggi legati ai costi e alle competenze.

Non perdendo di vista, in particolar modo per la Divisione CIB, l’attenzione sui singoli clienti che necessitano di prodotti connessi all’Investente Banking.

Che cosa vuol dire questo? Semplicemente che, grazie alla sua politica, UnicCredit tende a specializzarsi sulle sue funzioni globali, non perdendo però di vista il suo core business. E cioè il sostegno al cliente. E questo porta con sé tutta una serie di fattori determinanti. Come ad esempio l’impegno e la responsabilità verso i Paesi e gli istituti locali, al fine di rafforzarne l’autonomia e, di conseguenza, la vicinanza ai clienti. Snellire, ancora, i processi decisionali, soprattutto quelli che fanno riferimento al Commercial Banking.

Quotazione delle azioni Unicredit 2019

E ora passiamo alla quotazione delle azioni UniCredit per il 2019. I dati ufficiali a disposizione consentono di affermare che le azioni dell’istituto sono state in grado di superare prove difficili. Subendo quindi duri contraccolpi, ma rimettendosi sempre in carreggiata con grande forza di volontà. È infatti opportuno sottolineare che, a prescindere dalla forte contrazione del valore delle azioni, risalente al periodo 2007/2009, l’istituto ha mostrato una trendline positiva.

Cosa vuol dire questo? Semplicemente che 10 anni fa gli investitori avevano tutto il diritto di lamentarsi, mostrando la loro insoddisfazione per l’acquisizione di pacchetti azionari dell’Istituto. E il motivo di tali lamentele risiedeva fondamentalmente nell’aver assistito al volatilizzarsi di una importante percentuale del loro investimento.

E oggi? Gli investimenti di recente sottoscrizione godono invece di un incremento costante. A maggior ragione se si pensa che quello che è stato definito il biennio nero 2015-2016 è stato ampiamente superato, ricorrendo a una moderna governance e a una nuova politica di investimento sui mercati esteri.

D’altro canto, è risaputo che il gruppo Unicredit possa contare su un’importante e salda reputazione presso i mercati esteri. Dall’Europa Orientale alla Penisola Araba, e ancora presso i mercati emergenti del Sud-Est Asiatico. E anche se con i mercati dell’Unione Europea, in generale contrazione, non si è al completo riparo dal pericolo di oscillazioni e trendline negative, è anche vero che le previsioni UniCredit per il 2019 sono positive.

Qualche precisazione sulle performance di UniCredit

Guarda questo adesso. Quando si parla delle azioni del gruppo UniCredit, è opportuno fare qualche precisazione. Per chi è alla ricerca di performance da record, forse questa non è la soluzione ottimale. In che senso? La politica dell’istituto è ben precisa e si basa su iniziative finanziarie a ridotto margine di rischio. E questo vale anche per gli investimenti di una certa importanza. Questo fa sì che l’istituto bancario italiano rappresenti un porto sicuro in particolar modo per piccoli e medi investitori. Al contrario, la sua forza attrattiva sembra “indebolirsi” nel caso di grandi realtà finanziarie o davanti ad investitori che potremmo definire “rapaci”.

Quanto detto, ovviamente, va contestualizzato. Dal momento che un conto è parlare di investimenti sul suolo italiano, un altro è riferirsi ai mercati emergenti. Perché, come abbiamo precedentemente detto, UniCredit lì gode di una posizione di leadership. Ecco perché, sulla base di quanto detto fino ad ora, è possibile dire che per il gruppo italiano si prospetta un 2019 all’insegna del consolidamento. Infatti, la sua spiccata attitudine ad hub per gli investimenti all’estero, fanno sì che l’istituto sia al riparo da sorprese poco piacevoli.

Un esempio? Le possibili contrazioni e oscillazioni del mercato finanziario in Italia. A ciò si aggiunga che la possibilità di diversificare e ampliare i prodotti offerti è un punto a favore di UniCredit. A favore perché le consente di soddisfare le più svariate esigenze di un pacchetto clienti molto più ampio, rispetto ad altre realtà del settore.

Ecco tutti i vantaggi del gruppo italiano

azioni unicredit investireStai pensando di fare un investimento a lungo termine? Vuoi farlo sulla quotazione delle azioni Unicredit? Allora, per prima cosa, è importante tenere in gran considerazione la tendenza di base del titolo. Come si può prevedere l’evolversi delle azioni a lungo termine? Il consiglio è quello di passare al vaglio punti di forza e criticità dell’istituto, al fine di comprendere se vi sono margini di crescita reale.

Questo ti piacerà sicuramente. Iniziamo, infatti, con il dire che il gruppo Unicredit può vantare un buon posizionamento nel suo settore di attività, cioè bancario. Rappresenta ad oggi una tra i più grandi istituti bancari italiani. Questo fattore contribuisce indubbiamente a darle una maggiore stabilità, rispetto ad esempio alla concorrenza a livello nazionale. Ancora? L’istituto Unicredit gode di un’ottima posizione al di là del confine italiano, ovvero in Europa. Non a caso questa banca rientra a pieno titolo tra i leader, per quanto riguarda l’industria europea, per i servizi finanziari. E certamente questo fattore ha il suo peso.

Il gruppo Unicredit, inoltre, può farsi forte di una denominazione riconoscibile sul suolo italiano quanto su quello europeo. Immagine che nel corso del tempo si è fortificata, al punto tale da fungere come porto sicuro per numerosi clienti. A maggior ragione se si pensa al suo posizionamento geografico. Le attività del gruppo, infatti, sono ben distribuite in tutta Europa e in altri Paesi sparsi per il mondo.

Infine, è importante tenere in considerazione un altro aspetto. Il fatto che sia gli investitori che gli azionisti trovano un grande conforto nella condizione finanziaria dell’istituto che è al momento positiva.

Perché è opportuno investire in azioni?

C’è dell’altro da sapere. Ti stai chiedendo perché investire in azioni UniCredit conviene? La risposta è semplice, vediamolo insieme nel dettaglio. Per prima cosa è importante sottolineare che il gruppo vanta una grande solidità, in Italia come gruppo di credito in Italia e anche in Europa, distinguendosi per importanza. Questo vuol dire che è possibile trarre un profitto dai dividendi, e ancora che è possibile monitorarlo con i principali media.

A ciò si aggiunga la possibilità più o meno semplice di fare previsioni sui fattori macroeconomici, associati all’economia nazionale e di conseguenza all’andamento dei titoli. Più difficile, invece, risulta lo studio delle normative bancarie, nonostante la loro continua presenza sulle più importanti testate nazionali.

Sei interessato ad investire sulle azioni di Unicredit? Vuoi farlo a lungo termine? Allora, ricorda che per farlo, puoi acquistare le azioni del gruppo rivolgendoti a UniCredit, o altro istituto autorizzato, oppure ad una SGR (Società di Gestione del Risparmio). Gli investitori che optano per tale soluzione hanno la possibilità di scegliere tra numerosi pacchetti d’investimento. Tutti adeguatamente diversificati, che includono nella loro offerta il titolo UniCredit.

Considera, infine, che optando per questo tipo di soluzioni è necessario mettere in conto: le spese relative alla commissione e alla consulenza. E in più, il fatto che generalmente tali pacchetti hanno una durata superiore ai 12 mesi. Tempo che cambia in base all’istituto o alla SGR di riferimento.

Parliamo di Trading sulle azioni UniCredit

Adesso leggi un po’ questo, ti piacerà. Quando si desidera investire una piccola cifra e si cerca una soluzione a breve termine, che consenta di operare autonomamente, allora è consigliabile giocare in borsa sui CFD UniCredit. Il CFD (ovvero Contratto per Differenza) è uno strumento finanziario negoziabile online, che usa speciali software di contrattazione. Cioè piattaforme che permettono di praticare il trading online, facendo ordini al rialzo o al ribasso sui titoli. La quotazione dei CFD, inoltre, deriva in linea diretta da quella del titolo sottostante. Nel nostro caso specifico, il CFD UniCredit è costituito dal titolo UniCredit quotato presso la Borsa Italiana in tempo reale.

Come si fa il trading sulle azioni UniCredit? È necessario accedere ad una piattaforma di trading CFD. E per farlo, bisogna iscriversi ad un broker online. L’iscrizione, infatti, consente di accedere liberamente alla piattaforma e soprattutto ai titoli offerti. Ricorda, però, che molte piattaforme ti danno la possibilità di fare trading su UniCredit, ma non tutte. Ecco perché te ne consigliamo in particolar modo due, quelle che sono tra le più conosciute e apprezzate tra gli investitori. Ideali per chi non ha esperienza in questo settore o per chi già lo conosce.

Trading sulle azioni: eToro e Plus500

Hai mai negoziato CFD? Se la risposta a questa domanda è negativa, il consiglio allora è quello di usufruire dei servizi della piattaforma eToro. Dal momento che quest’ultima ti consente di usufruire del social trading. Che cos’è? Si tratta, in breve, di un servizio che ti permette di interagire con altri utenti, per chiedere consigli o semplicemente per un confronto o uno scambio di opinioni. Certamente utile per chi è ancora alle prime armi in questo settore e non vuole rischiare i propri investimenti.

Ancora, la piattaforma eToro consente agli utenti di copiare automaticamente le operazioni effettuate dai trader più esperti. Questo ti permette di valutare e scegliere, analizzando le diverse e complete classifiche di rendimento. All’inizio, il consiglio è quello di iscriversi alla piattaforma e iniziare a fare pratica usando la demo gratuita.

Se invece hai esperienza in questo settore, allora ti consigliamo di provare un’altra piattaforma, ovvero Plus500. Quest’ultima, infatti, ti consente di accedere a molti titoli negoziabili. Anche in questo caso è presente una demo gratuita, per iniziare a prendere confidenza con lo strumento in tutta tranquillità.

Azioni UniCredit: in conclusione

Facciamo, infine, un piccolo punto della situazione. In base a quanto detto nei paragrafi precedenti, sembra che l’istituto bancario UniCredit rappresenti, ad oggi, un buon investimento. Un investimento sicuro, con un margine di profitto privo, però, di un qualsivoglia picco.

Consigliato perlopiù ai piccoli o medi investitori che vogliono ampliare il loro portafoglio con azioni bancarie. Eccoci giunti alla fine del nostro articolo sulle azioni UniCredit, speriamo ti sia stato utile. Scrivici per qualsiasi dubbio o chiarimento. Continua a seguire il nostro Blog, alla prossima!