Investire in Bitcoin: ecco tutto quello che c’è da sapere

0
845
investire in bitcoin mano

Condividi questo articolo!

Cerchi informazioni su come investire in Bitcoin? Sei nel posto giusto!

Ecco come funziona la moneta elettronica

Negli ultimi tempi i mercati finanziari sono stati sconvolti dall’introduzione di una nuova valuta elettronica. Questo ha generato molto interesse negli operatori e sono tanti quelli che hanno deciso di investire in Bitcoin. Qui spieghiamo dettagliatamente in cosa consiste questa moneta elettronica e cosa sono in generale le criptovalute. Poi parliamo nel dettaglio delle modalità di investimento che sono possibili per questa particolare valuta. Infine analizziamo nel dettaglio le sue principali problematiche.

Investire in Bitcoin: le criptovalute

Con il termine criptovalute si intendono tutte quelle monete paritarie che presentano un’implementazione basata sui principi fondamentali della crittografia. Questa viene utilizzata per eseguire la convalida delle transazioni e la generazione stessa della moneta. Non dipende da nessuna banca ed è in formato elettronico.

Per salvaguardare la moneta dalla contraffazione digitale viene generalmente utilizzata un’implementazione che usa un particolare schema proof-of-work e la tecnologia peer to peer. Le operazioni avvengono collettivamente in rete.

Investire in Bitcoin: l’origine delle cripto valute

investire in bitcoin monetaI primi tentativi per la creazione di una criptovaluta risalgono ad oltre dieci anni fa, anche se la loro affermazione per quanto riguarda il potenziale è avvenuta solo in tempi recenti. La prima è stata il Bitcoin nel 2009. Nel gennaio di quell’anno è stato creato il primo blocco all’interno del quale è stata registrata la prima transazione. A partire da questo momento il Bitcoin ha fatto il suo ingresso sul mercato.

Oggi le criptovalute hanno un tipo di infrastruttura basata sul Blockchain. Si tratta di un grande registro digitale che è in grado di memorizzare tutte le transazioni e gli indirizzi della valuta. Grazie a ciò, la proprietà della moneta viene certificata e i pagamenti sono sicuri. Sono presenti diverse tipologie ognuna delle quali mostra delle particolari caratteristiche. Bisogna comunque precisare che i Bitcoin restano i più utilizzati.

Investire in Bitcoin: cosa sono i Bitcoin?

Il Bitcoin è un particolare tipo di moneta elettronica che è stata creata nel 2009. Il suo inventore è ancora oggi anonimo ed utilizza lo pseudonimo di Satoshi Nagamoto. Molto interessante è anche il fatto che si possono impiegare i Bitcoin per l’acquisto di beni reali. La sua diffusione negli ultimi anni è stata estremamente rapida. Ciò è legato sia a motivi finanziari che economici.

L’obiettivo è quello di creare una vera economia virtuale nella quale le banche sarebbero obsolete. Il Bittcoin è un open-source e tutti possono prendere parte a questo progetto.

I Bitcoin consistono in una quantità che viene spostata fra database condivisi tramite appositi software installati sui computer degli utenti.  Questo database è strutturato secondo diversi blocchi di transazioni che sono concatenati tra loro. Seguono il senso temporale di creazione.

Inoltre su di esso è possibile aggiungere altri spostamenti ma non cancellarli. In questo modo si ha la certezza che i Bitcoin esistano realmente. Non possono essere creati falsi Bitcoin e non è possibile bloccare le transazioni eseguite.

Le caratteristiche principali dei Bitcoin

Una delle sue particolarità distintive riguarda il fatto che, diversamente da tutte le altre valute, il Bitcoin non utilizza un ente centrale e neanche sofisticati meccanismi finanziari. Il suo valore viene determinato semplicemente in base alla domanda e all’offerta di questa moneta. Uno dei principali obiettivi dei creatori era la totale indipendenza della moneta da qualsiasi autorità governativa.

Un altro aspetto importante si riferisce al fatto che il possessore rimane del tutto anonimo. Ciò in quanto l’indirizzo del portafoglio non può essere collegato ad informazioni personali. Ma è necessario chiarire il fatto che questa situazione è solo relativa. Ciò in quanto ogni operazione effettuata viene registrata nella Blockchain. Attraverso lo studio di questa è possibile sapere la quantità di denaro presente in ogni singolo portafoglio ma non può essere identificata una persona tramite il suo indirizzo Bitcoin.

Molto interessante anche la velocità con cui avvengono le transazioni effettuate con i Bitcoin. Infatti i pagamenti avvengono istantaneamente in modo indipendente dalla distanza geografica. Inoltre una volta che la moneta è stata spedita non è possibile riottenerla. Questo permette di essere sicuri che la ricezione del pagamento sia avvenuta. Infatti è impossibile truffare una persona dicendo di non aver ricevuto il denaro.

Ecco come funziona la moneta elettronica

Un utente per poter disporre dei Bitcoin deve acquistarli. Ma come fare? L’operazione è molto semplice, infatti sono presenti degli operatori che cambiano le diverse valute nazionali in moneta elettronica. In alternativa, essi si possono ottenere anche attraverso un marketplace. In questo caso vengono acquistati da altri utenti. I Bitcoin possono essere scambiati con:

  • denaro contante
  • trasferimenti con carte di credito e di debito
  • altre criptovalute.

Una cosa importante da dire, consiste nel fatto che per averli bisogna prima di tutto possedere un portafoglio. Si possono trovare diverse tipologie di portafoglio. I più utilizzati sono quelli online e quelli software. Questi ultimi devono essere archiviati sul disco rigido del proprio computer. Le due soluzioni sono però comunque vulnerabili e risultano essere poco sicure.

Infatti nel primo caso può avvenire un attacco da parte di hacker che si appropriano dei Bitcoin. L’altra soluzione è rischiosa, in quanto il disco può deteriorarsi compromettendo in questo modo i dati che vi sono contenuti.

Cos’è la blockchain?

Un aspetto fondamentale da chiarire è relativo alla comprensione di cosa sia la Blockchain. Innanzitutto si tratta della della tecnologia su cui si basa tutto l’intero sistema dei Bitcoin. Ogni blocco univoco che costituisce la catena contiene dei dati. In particolare al suo interno sono presenti un tot di indirizzi di altri portafogli e un numero fisso di monete. Inoltre sono presenti anche le informazioni del blocco che lo precede. Come appare evidente, risulta fondamentale conoscere l’indirizzo del proprio wallet per accedere ai Bitcoin acquistati.

Differenze principali tra bitcoin e valute tradizionali

Ma non è tutto, infatti potrebbe risultare interessante, in particolare per chi è intenzionato ad investire in Bitcoin, analizzare nel dettaglio le differenze che sussistono tra le valute tradizionali e i Bitcoin. Per prima cosa c’è da considerare il fatto che normalmente le transazioni passano da una banca che impone ai propri clienti commissioni onerose. Inoltre il denaro impiega diversi giorni per arrivare al destinatario. Invece il Bitcoin non viene controllato da nessuno e per questo motivo non incontra questo tipo di problematiche.

Altra differenza è l’impossibilità di contraffazione dei Bitcoin. Infatti grazie alla tecnologia Blockchian e ai meccanismi di difesa che sono implementati al suo interno, la moneta virtuale è inattaccabile. Inoltre il fatto che non hanno forma fisica fa si che non possano subire danneggiamenti. Il Bitcoin a differenza della tradizionale valuta è praticamente eterno.

Ma c’è dell’altro, infatti i Bitcoin a differenza delle valute tradizionali non si possono riottenere. Una volta inviati sono irrecuperabili. Ciò viene fatto per impedire le frodi.

Inoltre la natura di moneta digitale del Bitcoin, gli consente di essere utilizzato in ogni parte del mondo. Le valute tradizionali hanno invece un utilizzo limitato ai confini geografici.

Investire nella moneta virtuale

La moneta virtuale può essere acquistata liberamente da chiunque. Infatti una delle sue particolarità consiste nel completo anonimato del possessore.

Chi decide di investire in Bitcoin ha il principale scopo di ottenere un guadagno con la crescita del suo valore. Infatti in tempi recenti la sua valutazione ha registrato una crescita incredibile. Ciò ha spinto molti investitori ad acquistare Bitcoin.

Come investire in Bitcoin

Il modo più veloce che si dispone per acquistare i Bitcoin è quello di rivolgersi alle banche virtuali. Infatti queste ultime consentono di acquistarli aprendo un conto e versando su di esso del denaro reale. I Bitcoin poi devono essere successivamente trasferiti sul proprio computer o inviarli a qualcuno. Si tratta di una delle principali problematiche relative alla moneta virtuale, ovvero la sua conservazione. La metodologia più sicura è quella di scaricare la valuta virtuale su un hard disk esterno che funzionerebbe da portafoglio virtuale.

Un’alternativa interessante è quella di investire nel trading. Ciò consiste, in sostanza, nell’agire tramite un intermediario finanziario con cui viene effettuata l’operazione di compravendita. In questo modo si ha il grande vantaggio di investire in Bitcoin senza doverli acquistare. Si tratta di un tipo di investimento del tutto simile a quello relativo allo scambio euro-dollaro o a quello del petrolio.

Anche nel caso dei Bitcoin è possibile guadagnare grazie alla variazione del valore di vendita rispetto a quello di acquisto. I principali operatori presso i quali ci si può rivolgere sono:

  • Plus500
  • eToro
  • Markets.com.

Come investire su aziende che investono nel Bitcoin

Questo è un modo indiretto per effettuare tale tipo di operazione finanziaria. Essa consiste nell’acquisto di azioni di società che investono unicamente nel mercato dei Bitcoin. Una delle possibilità presenti è quella di Bitcoin Investment Trust. Opera solo in questo campo e quindi acquistare le sue azioni equivale ad acquistare Bitcoin. Se il valore di questi ultimi sale, cresce anche quello dell’azienda. Il rischio maggiore che si può correre in questi casi è quello che se la società dovesse fallire l’investimento sarebbe compromesso.

Come acquistare e conservare la moneta virtuale

Il metodo definito classico per acquistare i Bitcoin riguarda la creazione di un portamonete che viene definito con il nome di wallet. In questo modo è possibile conservare la moneta virtuale comprata tramite i diversi exchange presenti sul mercato. Questo è il luogo dove compratori e venditori si incontrano virtualmente. Qui è possibile acquistare anche altre tipologie di monete virtuali. Gli exchange maggiormente utilizzati sono:

  • Coinbase
  • Bitstamp
  • BTC Markets.

Le applicazioni che consentono la creazione dellostrumento sono elencate in una lista pubblicata sul sito ufficiale della comunità informatica che ha creato tale cripto valuta. Si tratta del sito internet www.bitcoin.com. A seconda del tipo di dispositivo che si desidera utilizzare, sono  presenti nella lista i diversi soggetti che li emettono. Una cosa importante da ricordare è il fatto che la Blockchain è scaricata e sincronizzata sul device utilizzato.

Investire in Bitcoin: quanto vale un Bitcoin in euro?

investire in bitcoin bCome per qualsiasi tipo di cambio valuta, anche la valutazione relativa al Bitcoin subisce nell’arco della stessa giornata numerosi cambiamenti. Attualmente il valore di un Bitcoin si aggira intorno a 5550 euro ma negli ultimi tempi ha registrato incrementi incredibili e altrettante discese che ne hanno fatto oscillare il valore.

Ad esempio nel 2017 il suo valore era poco superiore ai 5000 euro per poi salire in poco tempo a 7000. Addirittura il  valore massimo storico è stato raggiunto nel mese di dicembre di quell’anno, quando era di 16000 euro. Questo è uno dei fattori che rende la moneta attraente per gli investitori.

Gli aspetti positivi e negativi dei Bitcoin

I positivi

Uno degli aspetti positivi più interessanti relativi all’introduzione dei Bitcoin riguarda il fatto che sembra risolvere alcune delle principali problematiche che hanno storicamente riguardato i pagamenti. Infatti, il Bitcoin permette di abbattere le spese di transazione. Non può essere manipolato da chi intende controllare la sua diffusione. Ciò in quanto è completamente indipendente dalle banche.

Inoltre è fondamentalmente uno strumento di pagamento.

I negativi

Uno degli aspetti negativi principali è il fatto che i Bitcoin sono utilizzati da gruppi criminali per fare acquisti. Infatti l’impossibilità di rintracciare l’identità del possessore rende questa moneta virtuale completamente anonima. Ciò la espone al rischio di utilizzi illeciti. Inoltre potrebbe verificarsi una bolla speculativa che causerebbe un’importante perdita del valore attuale di tale moneta virtuale. In questi casi l’investitore è esposto a consistenti perdite di denaro.

Le monete definite come virtuali negli ultimi anni hanno registrato un interesse crescente da parte degli investitori. Ciò è dovuto principalmente al fatto che la loro variazione di valutazione può consentire di ottenere guadagni interessanti. Ciò è accaduto ad esempio in riferimento al Bitcoin. Questa moneta virtuale indipendente ha attirato l’attenzione di molti operatori.

Per saperne di più, ti consigliamo di dare un’occhiata a questo video:

Se vuoi conoscere anche altre forme di investimento ti suggeriamo di leggere anche l’articolo dedicato agli investimenti Intesa San Paolo. Inoltre potresti trovare interessante pure scoprire nuovi modi per investire i risparmi. Per questo motivo consigliamo di leggere i seguenti ebook intitolati:

Ora che sai cosa significa investire in Bitcoin, non ti resta che acquistare questa moneta virtuale, se ritieni questo tipo di operazione finanziaria adatta alla tue esigenze di investimento.