Mutuo prima casa requisiti: ecco la guida aggiornata 2019

0
926
mutuo prima casa requisiti prato

Condividi questo articolo!

Mutuo prima casa requisiti. Guida aggiornata 2019. Come si ottiene? Chi può richiederlo? Quali sono le agevolazioni?

Se ti sei fatto queste domande, sei nel posto giusto. Con la nostra guida daremo risposte semplici a questo argomento importante per chi vuole fare uno dei più grandi passi nella vita.

Quante volte ci siamo chiesti se rientriamo nei requisiti di un prestito per la nostra prima abitazione? Seguiremo passo passo i requisiti per accedere a questo benefit.

Quante volte ci siamo chiesti se lo Stato potrebbe aiutarci? La risposta è affermativa. Soprattutto se siamo nella fascia under 35. Vedremo le leggi che regolano la materia degli aiuti, che siano in termini di garanzia o di sgravi fiscali.

Mettiamoci comodi e schiariamoci le idee.

Mutuo prima casa: cosa è?

mutuo prima casa requisiti home

Il mutuo prima casa è una particolare tipologia di finanziamento, ossia, una forma di prestito ipotecario che viene richiesta da coloro i quali non sono ancora proprietari di un immobile per ottenere la liquidità necessaria per acquistarlo.

Un contratto tra mutuante e mutuatario per una somma di denaro da investire nell’acquisto di un’unità immobiliare o per la sua realizzazione. La garanzia, per questo mutuo, sarà l’ipoteca sull’immobile stesso.

Art. 1813 c.c.il mutuo è il contratto col quale una parte consegna all’altra una determinata quantità di danaro o di altre cose fungibili e l’altra si obbliga a restituire altrettante cose della stessa specie e qualità“.

Mutuo prima casa requisiti: come si ottiene?

Bisogna innanzitutto rivolgersi a una banca o istituto di credito. Prima di fare questo possiamo, però, farci un’idea delle offerte più convenienti attualmente sul mercato. A questa precisa richiesta rispondono i comparatori di mutui online. Basta inserire le caratteristiche e verrà trovata dal sito una gamma di soluzioni adatte.

La stipula è comunque preceduta da una complessa attività istruttoria nel corso della quale la banca provvede all’accertamento della situazione patrimoniale del richiedente, acquisendo la documentazione necessaria al fine di valutare la solvibilità del potenziale mutuatario. L’istituto fa, altresì, redigere una perizia di stima dell’immobile al fine di valutare se la somma sia concedibile in relazione al valore stimato dell’immobile.

Nel contratto viene inserita la somma prestata, le modalità  di restituzione, la rateazione dell’importo da restituire ed il tasso di interesse.

Mutuo prima casa requisiti: quali sono?

mutuo prima casa requisiti chiavi

Abbiamo capito che il mutuo prima casa non è un mutuo qualsiasi. Proprio perchè ha delle differenze nelle agevolazioni, ci sono dei requisiti specifici di cui bisogna tener conto:

  • l’immobile si deve trovare nello stesso Comune in cui l’istante ha la residenza o intende trasferirla nei successivi 18 mesi o nel Comune nel quale svolge la sua principale attività.
  • l’acquirente deve essere persona fisica e non deve essere titolare al 100% o in comunione con il coniuge di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione su un’altra abitazione nello stesso Comune.
  • l’immobile non deve essere di lusso.
  • l’acquirente non deve essere titolare di diritti di proprietà, uso, usufrutto, abitazione o nuda proprietà, su un’altra abitazione acquistata su tutto il territorio nazionale per la quale benefici (o il coniuge benefici) delle agevolazioni per l’acquisto della prima casa.

Mutuo prima casa requisiti: agevolazioni

Per la prima casa la legge prevede delle agevolazioni che si attivano con o senza mutuo. Vediamo quali:

  • un’aliquota IVA al 4%, se si acquista da un’impresa.
  • un’imposta di registro al 2%, se si acquista da un privato.
  • l’imposta catastale e l’imposta ipotecaria in misura fissa (pari a 200 Euro se si acquista da un’impresa o a 50 Euro se si acquista da un privato).

All’accensione del mutuo per la prima casa si aggiungono ulteriori facilitazioni:

  • la detrazione Irpef del 19% degli interessi passivi e degli oneri accessori, per un importo massimo pari a 4 mila euro riferibile a tutti gli intestatari ed eventualmente ai diversi contratti di mutuo stipulati per l’acquisto.
  • la detrazione Irpef del 19% degli oneri sostenuti per l’eventuale intermediazione di un’agenzia immobiliare, per un importo massimo pari a mille euro e con possibilità di usufruirne solo nel primo periodo di imposta successivo all’acquisto.

(Per i dettagli legislativi vedi anche Agenzia delle Entrate)

Mutuo prima casa requisiti: single o giovani coppie under 35

Per i single o le giovani coppie under 35 lo Stato ha previsto un aiuto maggiore per l’autonomia degli stessi.

Esiste un Fondo Garanzia per i soggetti in questione, ritenuti più deboli economicamente, che permette di accendere un mutuo con la garanzia statale del 50% del capitale erogato.

Il Fondo è stato istituito presso il Ministero dell’economia e delle finanze con la legge numero 147/2013, la sua disciplina attuativa è contenuta nel decreto interministeriale del 31 luglio 2014 e la sua gestione è affidata alla Consap S.p.A..

Anche in questo caso, date le favorevoli condizioni, ci sono dei requisiti specifici. Bisogna:

  • Essere una coppia (non necessariamente sposata, purché ci sia convivenza da almeno due anni), in cui almeno uno dei due partner abbia meno di 35 anni di età.
  • L’ essere lavoratori single under 35 titolari di contratti di lavoro atipici.
  • essere un nucleo familiare con un solo genitore e con un figlio minore a carico convivente.
  • essere conduttori di alloggi di proprietà degli Istituti autonomi per le case popolari.

Mutuo prima casa requisiti: altri requisiti

A questi requisiti se ne aggiungono altri più generali che dividono, comunque, i soggetti o gli immobili in base alle condizioni economiche.
Il mutuo può essere erogato per importi non superiori ai 250 mila euro e l’abitazione non deve essere accatastata come A1, A8 o A9. Naturalmente, non deve essere di lusso.
Il contraente non deve avere altri immobili di proprietà a uso abitativo. Sono esclusi quelli ereditati e a servizio di genitori, fratelli o sorelle.

Come abbiamo visto, le agevolazioni per il mutuo della nostra prima abitazione sono tante. La legge tutela questa particolare istanza e mette a disposizione i suoi mezzi, a patto che ci siano determinati requisiti.
Adesso bisogna solo accendere il sogno e provare il gusto di entrare nella nostra prima casa. Un piccolo grande passo della vita.

Vuoi richiedere un mutuo oggi stesso?

Prova Younited Credit!

La soluzione perfetta per:

  • dipendenti pubblici e di SPA
  • dipendenti di società SRL
  • dipendenti di SNC, SAS, COOP.

La piattaforma non rilascia prestiti a lavoratori autonomi, liberi professionisti, casalinghe o colf. Ti consigliamo di leggere a tal proposito l’articolo dedicato ai prestiti senza busta paga!

Rientri in una delle categorie ammesse?

RICHIEDI SUBITO IL TUO PRESTITO!

Se ti è stato utile il nostro articolo continua a seguirci!

Sicuramente t’interesserà anche questo video: