Prestito online immediato: tutto ciò che c’è da sapere

0
538
prestito online immediato banca

Condividi questo articolo!

Se stai cercando informazioni sul prestito online immediato sei nel posto giusto!

Scopri tutto su questa forma di credito

Ottenere un prestito personale, immediato e online sta diventando una consuetudine particolarmente diffusa. Un modo rapido per entrare in possesso di piccole somme di denaro la cui necessità sia improvvisa e imprevista. Vediamo allora quali sono le caratteristiche di questa forma di credito, e quali possibilità offre a chi è interessato a entrare in possesso di un piccolo importo in maniera rapida e semplice per far fronte alle proprie necessità.

Prestito online immediato: la nuova frontiera del prestito

prestito online immediato soldiPrestiti online entro 24 ore. Questa è la nuova frontiera proposta dal mondo complesso e articolato dei finanziamenti, che consente di accedere a forme di credito immediato. Una funzionalità che risponde alla necessità di disporre di determinate somme di denaro da ottenere in tempi rapidissimi, in genere per far fronte a urgenze e necessità improvvise. Possiamo dire, quindi, che siano particolarmente adatti a fronteggiare casi di emergenza.

Prestito online immediato: ecco tutti i dettagli

La possibilità di ottenere prestiti in tempi rapidissimi è garantita, prima di tutto, dai piccoli importi previsti. Di solito, infatti, si va da un minimo di 500 euro fino a un massimo di 5000 euro. Banche e istituti finanziari, infatti, non hanno difficoltà a versare somme di denaro così contenute. Un altro elemento che influisce sulle tempistiche dipende dal fatto che per questo tipo di prestito non vengono richieste garanzie.

Come ricevere un prestito online immediato

La procedura di richiesta e di accesso a un prestito immediato è decisamente semplice. La domanda viene presentata online alla banca o all’istituto finanziario su cui è caduta la scelta, che procede alla valutazione della documentazione fornita, e verifica se si tratti di un primo finanziamento o se, al contrario, ce ne siano stati altri in precedenza.

Naturalmente, è sempre consigliabile verificare quali siano le migliori banche online, per scegliere quella più adatta all’erogazione del piccolo importo da richiedere in prestito. Alcune di queste giungono a concedere il prestito richiesto anche in meno di 24 ore.

Un ostacolo all’erogazione del prestito online immediato, invece, può essere rappresentato dalla condizione di cattivo pagatore. Posizione di facile verifica da parte delle banche. In questo caso, qualora banca verifichi questa posizione, potrebbe decidere di negare il prestito, offrendo però alcune alternative, tra cui il finanziamento con cambiale.

Prestito online immediato: i requisiti e i documenti da fornire

  • Documento d’identità

  • Codice Fiscale

  • Ultime buste paga / Certificato pensionistico/cud

  • Modello Unico per i lavoratori autonomi

I tassi di interesse attuati in relazione a questo tipo di prestiti sono solitamente elevati, ed oscillano tra il 9 e il 10%. Gli importi concessi in prestito variano a seconda delle politiche delle singole banche. Si va da un minimo di 500 euro a oltre 3000 euro. Naturalmente, ogni prestito online immediato prevede un piano di restituzione ratealizzato, che potrà essere corrisposto in diversi modi e tempi all’istituto di credito.

prestito online immediato monete

È importante, comunque, ricordare che nel momento in cui si effettua una richiesta di prestito online, la procedura è immediatamente inoltrata a una società bancaria o finanziaria, per cui viene registrata in tempo reale nelle banche dati creditizie, con le relative conseguenze.

Nel caso si vadano a sommare, in un breve periodo, differenti richieste di prestito – almeno 2 – il processo di valutazione da parte dell’istituto bancario può anche portare a un rifiuto del credito.

I sistemi delle società finanziarie, infatti, sono programmati appositamente per rifiutare le richieste di prestito effettuate da parte di persone che abbiano già fatto altre operazioni simili altrove. Il timore, da parte loro, è che il cliente voglia attivare più domande, contemporaneamente, per aumentare la propria disponibilità economica.

Prestiti urgenti in giornata

prestito online immediato approvatoSe questa tipologia di prestiti è già, di per sé, “veloce”, va detto che esistono istituti di credito in grado di erogare prestiti nel giro di poche ore o comunque di una sola giornata. Si tratta di crediti ad accesso quasi immediato, praticati da alcune società finanziarie, che possono arrivare a spedire l’assegno bancario o a effettuare il bonifico a meno di 24 ore dall’avvenuta richiesta.

Per il prestito urgente in giornata, la richiesta online ovviamente rende il tutto più semplice e immediato e, ancora di più, la procedura di firma digitale. Dopo la registrazione e la compilazione dell’apposito modulo di richiesta, e dopo l’invio dei documenti previsti dalla pratica, la società bancaria o l’istituto finanziario prescelto sarà in grado di procedere immediatamente all’invio della somma richiesta.

Alcuni istituti che lavorano con tempistiche inferiori alle 14 ore offrono prestiti con un massimale di 10 mila euro. Come per i prestiti “tradizionali”, poi, è possibile  estinguere il debito prima dello scadere del piano di restituzione.

Il Vademecum per il prestito online immediato

Ricapitolando, se intendi chiedere un prestito online, quindi con esito immediato, devi tenere in considerazione alcuni punti fermi:

  • Non fare più di una richiesta di prestito contemporaneamente

  • Valuta l’importo richiesto in base al tuo profilo creditizio

  • Valuta, se è il caso, di ricorrere a un garante per il prestito online immediato

  • Non richiedere un nuovo prestito prima di aver versato almeno 12 rate per quello ricevuto in precedenza

  • Se sei un buon pagatore e intendi accedere a un nuovo prestito continua a rivolgerti allo stesso istituto bancario o finanziario a cui ti sei rivolto la prima volta

  • Tieni sotto controllo l’entità delle rate da pagare: l’importo non deve superare il 40% del tuo reddito. È buona norma valutare attentamente le proprie possibilità finanziarie prima di accedere a un prestito e impegnarsi in un programma di restituzione.

In generale, i prestiti veloci seguono la maggior parte delle regole che caratterizzano i prestiti personali normali. La documentazione richiesta per questa tipologia, infatti, lo dimostra appieno. Anche i criteri che stanno alla base dell’effettivo costo del prestito online immediato sono gli stessi utilizzati nell’ambito dei prestiti “classici”. La cifra da restituire alla banca concedente, che si concretizza in un determinato numero di rate mensili da corrispondere, è determinata infatti da ben precisi fattori.

Ecco i fattori che determinano le rate mensili

Il primo è rappresentato, ovviamente, dall’ammontare del prestito. A questo si aggiungono la durata del finanziamento, ovvero in quanto tempo il cliente intende restituire la somma ricevuta dall’istituto di credito. Com’è logico, su questi due elementi variabili vengono applicati due tipi di tassi d’interesse: il TAN e il TAEG.

Con la sigla TAN viene indicato il Tasso Annuo Nominale, ovvero la percentuale che la banca di riferimento impone sull’ammontare lordo del prestito. Il TAEG, il Tasso Annuo Effettivo Globale, invece, comprende l’interesse bancario unitamente al costo procedurale e assicurativo della pratica.

Il piano di rimborso può essere ritagliato e pianificato su un periodo di tempo che va da un anno a 10 anni. In alcuni casi, è possibile integrare il prestito con una polizza assicurativa, che va a salvaguardare il rimborso del debito in caso di situazioni rischiose. Come nel caso di una perdita di lavoro – che metterebbe in crisi lo stesso piano di restituzione. Infine, una nota anche riguardo alla somma di capitale che si può richiedere grazie a questa tipologia di prestito.

La rapidità con cui è possibile ottenere una liquidità extra – di gran lunga più elevata rispetto al passato – non deve finire per far trascurare i tassi d’interesse applicati e il livello di sicurezza previsto dalle diverse formule di prestito. Di solito, questo tipo di prestiti non prevede tassi particolarmente elevati, per cui una valutazione delle condizioni proposte al cliente è più che sufficiente. Anche sotto l’aspetto della sicurezza, possiamo dire che – anche in questo caso – le garanzie offerte in questo settore siano alla pari di quelle “normali”:

Prestiti senza busta paga

Ottenere un prestito veloce senza fare riferimento a una busta paga rende le cose più complicate. Di solito, infatti, è necessario produrre delle garanzie finanziarie, assicurate appunto dalla produzione di buste paga e dichiarazione dei redditi. Esistono, del resto, istituti bancari e finanziari che dedicano appositamente i loro prodotti anche a chi ha un lavoro precario, ai lavoratori autonomi e alle categorie prive di busta paga (compresi i cattivi pagatori).

La concessione di crediti a queste categorie, ancora una volta, è facilitata dai bassi importi previsti: la somma di 500 euro non è particolarmente elevata. I più agevolati dei clienti senza busta paga sono i pensionati, essendo ex lavoratori che percepiscono una pensione mensile e, quindi, un’entrata sicura e certificabile.

Il caso dei lavoratori autonomi

prestito online immediato numeri

Le cose si complicano leggermente, invece, nel caso dei lavoratori autonomi o dei liberi professionisti. Anche se questa categoria spesso guadagna più di un lavoratore dipendente, può trovare seri ostacoli al momento della richiesta. Per fortuna, però, sono in essere possibilità e garanzie alternative alla busta paga. Tra queste ricordiamo la documentazione del reddito, che può sostituire agevolmente la busta paga.

Il Modello Unico, infatti, consente alla banca scelta per la richiesta di prestito di valutare se ci siano tutti presupposti e le condizioni per erogare la somma richiesta al cliente. Per quanto riguarda – invece – i disoccupati, gli inoccupati e le categorie che non sono in grado di produrre una busta paga (a questo proposito leggi l’articolo sui prestiti veloci per casalinghe), le banche diventano più rigide, soprattutto in momenti di crisi economica diffusa.

Anche nel loro caso, comunque, è possibile superare il problema ricorrendo alla presentazione di un garante. Questa soluzione consente, anche a chi si trova in una situazione di disoccupazione, di essere in grado di chiedere e ottenere un prestito pur non essendo in possesso di una regolare busta paga.

In questo caso, la banca prescelta provvederà a richiedere le garanzie necessarie direttamente a una terza persona, il garante appunto, che dovrà fornire la documentazione relativa alla sua posizione lavorativa e, quindi, ai suoi guadagni.

Tra le altre soluzioni, poi, è contemplata quella dell’iscrizione di un’ipoteca su un immobile di proprietà del richiedente. E quella di una cointestazione del contratto di finanziamento.

Ovviamente, per quest’ultima possibilità, è necessario che il secondo cointestatario del contratto possa documentare una situazione finanziaria stabile. Queste due eventualità, comunque, sono adottate a fronte di forme di finanziamento che prevedano importi particolarmente rilevanti, ovvero decisamente superiori a quelli normalmente previsti per i prestiti veloci online.

Il social lending

Quella dei prestiti tra privati è un’altra pratica che sta prendendo piede negli ultimi tempi anche nel nostro Paese. Nonostante si possa essere indotti a pensare che questo tipo di prestito non sia del tutto legale e, comunque, rischioso, si stanno diffondendo numerose community online che offrono agli utenti la possibilità di richiedere e ricevere prestiti del tutto sicuri. I siti internet che praticano questo tipo di attività prevedono una procedura di registrazione, con la richiesta specifica se si intenda accedervi per richiedere oppure offrire prestiti a terzi.

È il cosiddetto “social lending”, ovvero il “prestito sociale”. Le piattaforme attive in questo settore sono ormai numerose, e tutte consentono di presentare una richiesta di prestito online, con tempistiche estremamente rapide. Di solito, al momento della registrazione è richiesta l’indicazione relativa alla propria situazione economica.

Gli importi garantiti dai prestiti oscillano tra i 1000 e i 25 mila euro, a seconda dei differenti regolamenti che distinguono i social lending, ma esistono alcuni siti che concedono anche prestiti minimi di 500 euro. I rimborsi sono gestiti con piani di restituzione che prevedono da un minimo di 18 a un massimo di 36 rate mensili. Tra i social lending più diffusi si segnalano Smartika, Prestiamoci e Blender.

Il “broker prestito”

Se affrontare le procedure per accedere a un piccolo prestito da ottenere in tempi rapidi non è particolarmente agevole dal tuo punto di vista, ricorda che esistono referenti a cui potrai rivolgerti. In particolare, i consulenti creditizi possono rappresentare un valido punto di riferimento, in grado di affrontare insieme a te tutto l’iter necessario per entrare in possesso di una somma di denaro necessaria per far fronte alle tue esigenze.

Esistono, tra l’altro, i cosiddetti “broker prestiti”, professionisti in grado di affiancare il cliente con estrema efficacia, individuando insieme a lui il migliore tipo di credito a cui accedere, tenendo conto di tutte le caratteristiche messe in evidenza, e procedendo poi alla gestione della procedura di richiesta.

Ricordati ovviamente di stare attento alle truffe:

Abbiamo passato in rassegna un po’ tutti gli aspetti che riguardano l’universo dei prestiti online, cercando di metterne in luce tutti gli aspetti e le caratteristiche. Sperando che questo articolo possa esserti d’aiuto per affrontare con idee più chiare l’eventuale necessità di rivolgerti a una banca online per richiedere un piccolo prestito. In bocca al lupo per il prestito online immediato!